Cerca

Jenny&Maggie

"After all this time?" "Always"

Mese

settembre 2014

Recensione: Percy Jackson e gli dei dell’ Olimpo

Percy Jackson e gli Dei dell’Olimpo è una saga fantasy scritta da  Rick Riordan. La serie è composta da 5 libri basati prevalentemente sui miti greci pur essendo ambientati negli USA.

Per il momento ho letto solo il primo che si intitola: Percy Jackson e gli Dei dell’Olimpo Il ladro di fulmini.

I libri della saga sono:

Il ladro di fulmini

2 Il mare dei mostri

La maledizione del titano

La battaglia del labirinto

Lo scontro finale

Il primo libro è meraviglioso!!!!! Leggete la recensione!

Tantissimi saluti e buone vacanze

Annunci

Recensione: Percy Jackson e gli Dei dell’Olimpo Il ladro di fulmini

Percy Jackson e gli Dei dell’Olimpo è una saga fantasy scritta da  Rick Riordan. La serie è composta da 5 libri basati prevalentemente sui miti greci pur essendo ambientati negli USA.

Percy Jackson fino all’ età 12 anni ha creduto di essere un ragazzo normale, ma quando in una gita scolastica vede la sua insegnante di matematica trasformarsi in una furia e cercare di ucciderlo non ne  è più  molto sicuro! Lui è un Semidio. A Zeus è stata rubata la sua folgore e pensa che a rubarla sia stato Percy. Lui per il momento non sa nulla di questa storia.

Fortunatamente il suo insegnante di greco e latino, il professor Brunner, gli lancia una spada e grazie ad essa riesce a ferire la furia che si polverizza.(la spada è anche una penna. Appena si toglie il tappo della penna, essa  si trasforma in una spada.è difficile da spiegare 😦 )

Quando il combattimento finisce tutto torna normale e nessuno si ricorda della professoressa. Percy pensa di essersi immaginato tutto, ma la sera mentre si sta recando dal prof. Brunner lo sente parlare con Grover (il suo migliore amico che ha difficoltà a camminare) di quello che le è capitato e da lì capisce che tutto è reale.

Il giorno dopo la scuola finisce .Percy torna a casa e lui e sua mamma decidono di fare una piccola vacanza al mare ed in più partono immediatamente!

Arrivati al campeggio però non fanno in tempo a disfare le valige che si scatena un violento temporale. Ad un tratto nel Bungalow entra Grover  ma al posto di esserci normalissime gambe ci sono gambe da capra!!  (è un satiro)

Grover dice ai due che bisogna assolutamente fuggire da lì e recarsi al campo Mezzosangue, un luogo dove tutti i semidei possono “nascondersi” senza correre pericolo . Durante il tragitto però il Minotauro gli assale e la mamma di Percy, cercando di salvare il figlio, si disintegra . Fortunatamente Percy riesce a sconfiggere il minotauro e a “prendere” unodelle sue corna.

Arrivato al campo mezzosangue Percy incontra Annabeth , figlia di Atena e  Luke, figlio di Ermes.
Il “capo” del Campo Mezzosangue è Dionisio , il quale spiega il mistero della folgore rubata a Percy e gli dice che deve essere lui a recuperarla. Prima di  partire Percy vuole sapere cosa gli accadrà e quindi si rivolge all’ oracolo. La profezia è molto sibillina e dice che Percy:

-riuscirà a compiere l’ impresa

– la cosa più importante non verrà salvata

-che verrà tradito da un’ amico.

Percy ,Annabeth e Grover partono. Pecy avrebbe voluto che partisse anche Luke , il quale era sempre stato gentile con lui.

Ai tre succedono una marea di avventure (tre furie cercano di attaccarli, incontrano Medusa,si inoltano nell ‘ Ade, ecc..)

Alla fine……..

Se volete sapere se la folgore è stata recuperata e chi tradirà Percy leggete il libro che è meraviglioso!!

MAGGIE

 
 

Recensione: Storia di Malala

20130718-161114

“Storia di Malala” è un libro di Viviana Mazza, una giornalista del Corriere della Sera. Viviana ha raccontato le vicende di Malala Yousafzai, una studentessa e attivista Pakistana che ha subito un attentato per aver espresso le sue convinzioni sui diritti allo studio negati alle ragazze del suo paese. Questo libro racconta di quando Malala ha cominciato a parlare con i giornalisti. Di quando tornando da scuola con le sue compagne, qualcuno è salito sul loro “scuolabus” e le hanno sparato.  Racconta di quando è stata portata in Inghilterra per farsi curare ed è stata successivamente candidata al premio Nobel per la pace 2013 e ha vinto quello del 2014.

 Malala-Yousafzai1

Ogni concetto espresso in questo libro fa riflettere su quanto sia importante lo studio, e su quanto siamo fortunati ad avere la possibilità di arrivare tutti i giorni a scuola illesi. Anche se sembra qualcosa di scontato, per loro è davvero pericoloso persino fare la spesa.

Spesso noi ragazze e ragazzi dei paesi meno “travagliati”, ci facciamo tanti problemi: i vestiti, i telefonini, i giochi elettronici, e i vari litigi inutili con amici o genitori. Malala non aveva neanche il tempo per pensare a cose superficiali. Lei era così matura da pensare a come portare avanti i suoi ideali e i suoi diritti. A come impegnarsi perché i problemi dei suoi coetanei non vengano trascurati. Ha subito un attentato che le ha sconvolto la vita e ha detto che i talebani, infiggendole questo colpo anziché spaventarla l’hanno rafforzata. Una ragazza che nonostante la sua età conosce il valore del coraggio, conosce i suoi diritti e li porta avanti. Una breve biografia che racconta: la condizione di Malala, quella della sua famiglia e della valle dove abita. Racconta la lotta di una ragazzina intraprendente e soprattutto ciò che lei provava durante quel periodo: la paura degli attentati, superata dalla preoccupazione che niente possa cambiare, la gioia di essere sopravvissuta e la fierezza di essere stata candidata al premio Nobel per la pace.

È scritto in maniera davvero scorrevole, con parole semplici ma incisive. Ho letto questo libro immedesimandomi in Malala, ma tenendomi comunque a distanza, in modo da poter intravedere i miei stessi errori.

Leggete questo libro e verrete a conoscenza della personalità di questa ragazza volenterosa e del suo sacrificio che l’ha portata sulla bocca di un miliardo di persone nel pianeta.

JENNY

Clicca qui per vedere il:

DISCORSO DI MALALA

 

3Dnn+9_8B_pic_9788804639770-storia-di-malala_original

Una canzone degna di nota!

Recensione: Storia di una ladra di libri

50019

Storia di una ladra di libri, conosciuto anche come la bambina che salvava i libri.

Nella Germania nazista, 1939, Liesel Meminger a nove anni perde suo fratello. Al suo funerale trova sepolto dalla neve un volume. Da quel giorno la sua vita cambia, nascerà la sua forte passione per i libri, e imparerà a leggere nella sua nuova casa. Le insegnerà a leggere suo padre adottivo: Hans Huberman.

Trovo questo personaggio molto accattivante, non  è presentato come i principali personaggi, ma senza di lui la protagonista, non sarebbe la ladra di libri. In più questo personaggio è molto malinconico, è cosciente della situazione di quel periodo, è umile e caloroso, sempre a suonare la sua fisarmonica. La moglie di Hans è il suo contrario, urla sempre, fa il bucato per la gente del suo quartiere per guadagnarsi da vivere e non ha molta pazienza con Liesel, anche se indubbiamente le vuole bene.

è in questo nuovo contesto che Liesel conosce il suo migliore amico, Rudy, e insieme cominciano a rubare mele e libri. In questo constesto Liesel viene a conoscenza delle ingiustizie che gli ebrei sono obbligati a sopportare. Infatti Liesel vede stravolta la sua vita quotidiana con gli Huberman, dall’arrivo di Max Vandenburg, un ex lottatore perseguitato a causa della sua stessa esistenza.

Questa è la storia di una straordinaria ragazzina coraggiosa che leggerà, crescerà e proteggerà un ebreo. Nel corso della storia conosce la moglie del sindaco e rimane incantata dalla sua stanza colma di libri. Legge per cancellare la paura nei rifugi antiaerei. E difende il suo amico lottatore nonostante il pericolo.

Questo è un best seller unico, dove l’autore descrive un contesto commovente con numerose frasi altrettanto intense. Markus Zusak, l’autore appunto, finisce questo romanzo senza alleviare il dramma della situazione, perché per forza così doveva finire.

è scritto dal punto di vista di Liesel, dal punto di vista di Max, ma la cosa interessante è il punto di vista della morte. Noi vediamo la morte come qualcosa di malvagio che ci perseguita. In questo libro è esattamente il contrario, è la stessa morte, la vittima della strage dei nazisti. Lei è costretta a raccogliere le anime degli umani, senza tregua si sposta per l’Europa. Lei è perseguitata dagli uomini, e ammira Liesel, la osserva come il più interessante individuo della sua razza.

Ho trovato questo romanzo appassionante, sconvolgente, triste e intelligente. Infatti è un best seller amato in tutto il mondo. Leggete questo romanzo bellissimo, ne vale la pena.

-Jenny 🙂

Trailer del film

0

tumblr_mwofjrcXYJ1s7fkwpo1_500

storia-di-una-ladra-di-libri03

Ecco il concorso musica!!

 

Ciao a tutti sono Maggie

Ecco il nuovissimo concorso sulla musica!!

Ogni mese alcuni di voi scriveranno un piccolo pensiero sulla misica  (nei commenti o via e-mail) e invieranno una immagine che rappresenti il suo pensiero. Buon divertimento!

La domanda del mese è : CHE COS ‘è PER TE LA MUSICA??

RISPONDETE ciauuu Maggie :3

 

……………………………………………………………………………………………………………………………………….

 ECCO COSA CI HA SCRITTO ……

 

 FEDE :

“La mia vita senza musica è come un corpo senza anima”  

 

Super_MAC_Aris :

 

” Io non vivo senza musica. La musica mi fa venire molti pensieri come la felicità e l’ amore”

 

LA MATTA :

La musica è il rumore del mio telefono quando suona di notte per colpa della mia amica che scrive!! XD

 

 

ZUZZURELLONE:

 

“La musica è un ingresso incorporeo nel più alto mondo di conoscenza che comprende l’umanità , ma che l’ umanità non può comprendere” ( L.V. Beethoven)

      

 

 

 

PAZZERELLA :

“Ogni canzone  per me  è un ricordo , un ‘ emozione passata con le mie vere amiche che mi danno felicità ,ogni canzone è un’ esperienza bella o brutta…..La musica è il miglior modo di esprimersi e far sapere a tutti quello che provi.”

 

GIORGIA:

“La musica è quel luogo in cui tutto si ferma;i problemi e le preoccupazioni svaniscono,come spazzare da un vento o cancellate con una gomma.È un limbo dove esistiamo solo noi,dove possiamo essere noi stessi.”

musica_psicologia_musicoterapia_dislessia

S.O.S EMERGENZA SCUOLA!!

Ciao a tutti sono Maggie!

Tra 11 giorni inizia la scuola!! Queste vacanze sono proprio volate ed in più il tempo non è stato per nulla bello!

Per caso non avete ancora finito i compiti e non sapete come portarvi avanti? Anche io varie volte mi sono trovata in questa situazione ed ora che ho imparato ad organizzarmi ecco a voi  alcuni consigli per programmare questi ultimi giorni di vacanza “costruendo” un pratico calendario!(naturalmente potete usare questa procedura anche durante l’ anno.)

Occorrente:

-Un quadernino

-Matita e Penna

-Righello

1: Contare quanti giorni mancano al rientro a scuola, quanti compiti avete e in quali giorni intendete riposarvi.

2: Suddividi la pagina del tuo blocco/quaderno in vari spazi tanti quanti i giorni mancanti.

3:In ogni spazio scrivi la data del giorno e i compiti che vuoi svolgere . SUGGERIMENTO: non scrivere molti compiti in un giorno perchè se non riesci a finirli tutti sballerai il programma che ti sei imposto.

4:Svolgi prima i compiti più pesanti ( matematica, italiano, ecc..) e svolgi alla fine quelli più facili (arte,musica,ecc…)

5: Cerca di non distrarti e di svolgere tutti i compiti che ti sei assegnato.

Ecco tutti i miei consigli. Spero vi siano stati utili!!

Buono studio !!!!

Maggie ❤

WIN_20140901_144738 (2)

ecco un mio vecchio calendario

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.

Su ↑

Moments in the woods

Today I had the feeling a miracle would happen I know now I was right.

Promessi sposi

Uomini di oggi

Senza Zen

"Quale sarà il tuo verso?"

Jenny&Maggie

"After all this time?" "Always"

Mai abbastanza

ilblogdiunaragazzacomune

The Book Wars

💕📚💕

Moments in the woods

Today I had the feeling a miracle would happen I know now I was right.

Promessi sposi

Uomini di oggi

Senza Zen

"Quale sarà il tuo verso?"

Jenny&Maggie

"After all this time?" "Always"

Mai abbastanza

ilblogdiunaragazzacomune

The Book Wars

💕📚💕